assistente-vocale-google

Cos’è e come funziona l’assistente vocale di Google

I sistemi ideati per interagire con la nostra voce stanno diventando sempre più familiari.

Serve solo uno smart speaker o un’applicazione per eseguire un comando vocale senza toccare nulla. Con una parola si accendono e possono rispondere ad una domanda o compiere alcuni compiti elementari.

L’assistente vocale di Google è uno dei migliori in circolazione perché consente di fare numerose ricerche online tramite smartphone, altoparlanti, tablet, tablet e smartwatch.

In questo articolo scopriremo come funziona il dispositivo, quali funzioni assolve e quale impatto avrà sulla diffusione della domotica.

Cos’è e come funziona un assistente vocale

Parliamo di un software intelligente in grado di effettuare delle operazioni dopo aver ricevuto un istruzione vocale. Può supportare una persona nello svolgimento di alcune determinate azioni domestiche.

Google Assistant è nato dalle ceneri di Google Allo e Google Now che consentivano di fare ricerche online con un comando vocale. Il dispositivo in pratica è in grado di interpretare una domanda e fornire la risposta.

La ricerca viene effettuata ovviamente nel motore di ricerca mentre le informazioni personali vengono memorizzate nel device stesso.

Si possono richiedere dunque anche dei servizi personalizzati come la gestione dell’agenda o l’organizzazione di un book fotografico. Il fenomeno si è rapidamente diffuso ed oggi le ricerche online condotte tramite un assistente vocale stanno divenendo sempre più gettonate.

Il mondo del marketing è in subbuglio perché il copywriting deve adattarsi il prima possibile a questa nuova tendenza. Secondo gli esperti nei prossimi anni il 50% delle ricerche sarà effettuata con la voce e per questo molte imprese hanno adeguato i loro siti per rispondere alle esigenze della voice search.

La novità principale introdotta dall’assistente di Google è la naturalezza dell’interazione realizzata grazie al contributo del nuovo algoritmo per l’elaborazione del linguaggio. Il software si basa infatti sul concetto di conversazione continua che non prevede la chiamata dell’assistente per i comandi successivi al primo.

Questo è stato possibile grazie al contributo dell’Intelligenza artificiale che consente ai dispositivi elettronici di apprendere automaticamente i gusti e le esigenze dell’utente.

Le caratteristiche principali dell’assistente vocale di Google

Innanzitutto si devono possedere i seguenti requisiti per farlo funzionare:

  • Sistema operativo Android
  • 1,5 GB di RAM
  • Google Play Services
  • Google App

Avviata l’applicazione si deve cliccare sull’icona a forma di G per entrare nel menù e impostare l’assistente. Adesso bisogna insegnare al dispositivo a riconoscere la voce dell’utilizzatore. Basta ripetere tre volte “Ok Google” per impostare la sintesi vocale e da questo momento basta richiamarlo con l’apposito comando per attivarlo.

Può svolgere numerosi compiti come la ricerca delle informazioni, la selezione delle notizie e lo svolgimento di compiti domestici.

È in grado anche di controllare oggetti smart come termostati, elettrodomestici, dispositivi di sorveglianza e lampade. Nello specifico ecco cosa è in grado di fare l’assistente vocale di Google:

  • Fornire informazioni geografiche, stradali e meteo
  • Impostare sveglie e promemoria
  • Chiamare e inviare messaggi
  • Eseguire calcoli
  • Utilizzare un applicazione
  • Riprodurre film, musica e video
  • Integrarsi con altri elettrodomestici

Google Assistant può interagire inoltre con siti, social network ed ecommerce. Col passare del tempo può assimilare le preferenze e le abitudini riuscendo ad interpretare con estrema accuratezza le esigenze degli utenti. In futuro grazie all’innovazione tecnologica sarà anche in grado di identificare le persone, acquistare prodotti online, effettuare dei pagamenti e sottoscrivere dei servizi.

Conclusione

Il comando vocale diventerà nei prossimi anni il sistema principale per utilizzare un dispositivo, navigare o gestire una smart tv. Google Assistant sfrutta l’intelligenza artificiale per fornire tutto il supporto necessario agli utenti ed in breve diventerà una presenza consolidata nelle case di tutti.